Regolamento urbanistico, il nostro contributo

Regolamento urbanistico, il nostro contributo

Regolamento urbanistico, il nostro contributo

Dal consiglio comunale dell'8 agosto, quando Forza Italia votò all'adozione del Regolamento Urbanistico e della Variante semplificata al Piano Strutturale, niente è cambiato per il coordinamento comunale di Viareggio. Che niente, quindi, ha a che fare con le recenti e personali prese di posizione sull'argomento assunte da chi, oggi come allora, siede in consiglio grazie ai voti di Forza Italia.

Pertanto, ora che il regolamento ha iniziato l'iter di approvazione, rivendichiamo il contributo che, grazie alla disponibilità dell'amministrazione comunale, anche noi come forza di opposizione abbiamo potuto dare alla composizione di questo atto fondamentale per la città. Nel solco di quel percorso che avevamo iniziato, sette anni fa, con la giunta del sindaco Luca Lunardini e che, nostro malgrado, si era prematuramente interrotto.

La parte più consistente delle nostre proposte riguardava il recupero di aree degradate e la valorizzazione del patrimonio immobiliare esistente: con soddisfazione abbiamo visto approvata la riduzione della percentuale di spazio da cedere al Comune da parte di chi voglia intervenire per sanare una situazione di degrado; la possibilità di scambiarla con la realizzazione di opere pubbliche, come parchi o rotatorie; l'opportunità di inserire nell'elenco (finora chiuso) delle aree di trasformazione anche quelle zone che, previa valutazione da parte degli uffici, siano state segnalate dai cittadini come da recuperare.

Per quanto riguarda, invece, la valorizzazione del patrimonio edilizio esistente, è passata la nostra proposta di concedere un aumento di volumi non più solo a chi demolisce vecchi immobili per ricostruire, ma anche a chi opera adeguamenti sismici e miglioramenti sull'efficienza energetica; e quella di poter cambiare la destinazione d'uso di quei fondi che facevano già parte di una struttura abitativa originaria, ad esempio come magazzini.

Sono state accolte le nostre indicazioni anche per lo stadio dei Pini (prevedere che, al suo interno, possano sorgere anche strutture accessorie come palestra, piccoli negozi o foresteria per atleti), il verde sportivo (la quota di copertura per le strutture pubbliche è passata dal 3 al 10%) e la via dei Lecci, nel tratto fiancheggiato dal muro, riguardo al quale l'assessore Pierucci ha condiviso la necessità di lavorare sulla sicurezza coinvolgendo tutti gli enti interessati.

Il contributo concreto delle minoranze alla stesura di atti fondamentali per il futuro del territorio è una garanzia per la città, che in questo modo può sentirsi coinvolta e rappresentata nella sua interezza: abbiamo cercato di essere positivi e propositivi, prima di tutto per dare un'occasione a chi vive e lavora a Viareggio e Torre del Lago Puccini.

comitato

Close
Close

Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.

Close

Close